La preghiera di intercessione..... - cpfconsultoriosassari.it

Vai ai contenuti

La preghiera di intercessione.....

Conversazioni 2007/2008

 

La preghiera di intercessione, di racconto e di progettazione

La preghiera è lo specchio della nostra vita con Cristo e di come ci immaginiamo (!) la relazione che ha Cristo con noi.
In essa si riflette tutta la nostra vita con lui. Come avviene con il marito e con la moglie così succede anche con lui. Gli si comunica la propria vita e si desidera conoscere la sua vita nella misura in cui sono coinvolto nella sua vita e coinvolgo lui nella mia vita. In modo corrispondente parlerò con lui della mia vita e della sua (!) vita.
Possiamo scoprire una libertà, una responsabilità e una creatività immense: siamo noi stessi i costruttori della qualità della nostra preghiera.
Decidiamo noi sulla sua vivacità, sulla sua ricchezza, sui suoi contenuti, i sui tempi e soprattutto siamo di nuovo noi che decidiamo di immaginarsi Cristo in un certo atteggiamento di fronte a noi nel mentre stiamo parlando con lui! Ritengo l'ultimo aspetto il punto decisivo per la qualità della nostra preghiera.
Se porto della moglie, del marito un'immagine attraente, affascinante e amabile dentro di me parlerò volentieri con lui/lei, di tutto e a lungo.
Se non coltivo in me la consapevolezza della bellezza del suo corpo, della sua anima, della sua vita il mio parlare con lui/lei subirà delle privazioni di qualità.
Parlerò con lui/lei in modo più superficiale, con minore coinvolgimento interiore e con un di meno sia in rapporto ai contenuti sia in rapporto al tempo.
Un fenomeno analogo si realizza in rapporto a Cristo, come abbiamo visto già nei capitoli precedenti: Se coltivo di lui un'immagine viva, attraente e coinvolgente nella mia memoria affettiva e nella mia mente avrò desiderio di parlare con lui di tutto e con piacere.
Abbiamo intravisto nella preghiera dei salmi quanta vita di Dio e del salmista viene tematizzata nella preghiera quotidiana, poi fatta sua da Gesù stessa.
Tentiamo ora di dare uno sguardo a tre altri tipi specifici della preghiera cristiana, il primo molto usato, gli altri due un po' di meno: la preghiera di intercessione, di racconto e di progettazione.
Così possiamo approfondire ulteriormente in che modo l'idea di Cristo influisce sul nostro modo di pregare in forte analogia con come la mia idea del coniuge influisce sulla mia relazione con il coniuge.  

Intercessione

Intercedere per qualcuno significa chiedere al posto di qualcun altro qualcosa proprio per quella persona. In senso cristiano può diventare espressione di un genuino atto d'amicizia davanti a Dio.
Chiedo per una persona qualcosa come se chiedesse per me stesso. Posso così trasformare così la preoccupazione per l'altro in un'azione amicale di altissimo valore.
Preoccuparsi per l'altro è un fondamentale tratto dell'amore coniugale in cui si manifesta il suo essere immagine di Dio. Nessuno si preoccupa come Dio per il mio coniuge.
Io in forza del sacramento nuziale sono inviato/a verso il mio coniuge per manifestargli e rappresentargli la sollecitudine di Dio per lui/lei.
Pregare per il coniuge ogni giorno con intensità immaginandosi la sua vita, la sua persona, gli eventi vissuti insieme, benedicendolo interiormente è di fondamentale importanza per la costruzione della coppia e la realizzazione del suo essere immagine di Dio e per il consolidamento dell'amore della coppia.
Tutto ciò per cui mi preoccupo in relazione alla persona amata è degno d'essere detto a Dio. La delicatezza con la quale amo la persona che Cristo mi dona si rifletterà nella preghiera.
L'intercessione si occupa in modo prevalente di aspetti del coniuge che riguardano la realizzazione della sua vita fisica, psichica, spirituale, relazionale, professionale, sociale ed ecclesiale.
"Signore ti affido il mal di dente di mia moglie. Ispirale i tuoi atteggiamenti verso i mali fisici."
"Gesù agisci nel cuore, nella mente del capoufficio di mio marito, affinché ne riconosca le sue capacità, gli affidi i compiti corrispondenti e gli faccia esprimere le sue correzioni in modo proporzionato."
"Spirito Santo, fa trovare a mia moglie e le parole giuste per manifestarmi i suoi desideri e gioie nella vita intima." O insieme: " Ti affidiamo glorioso Gesù il mistero del nostro figlio adolescente.
Accompagna i suoi pensieri nella scoperta di se stesso e infondi in lui il coraggio di volere essere se stesso riconoscendo sempre più te come Origine della sua vita velocemente crescente."
Prima però, conviene pregare per se stesso in sintonia con il comandamento di Gesù.
"Ama il prossimo tuo come te stesso." Pregare per se stesso è un atto d'amore essenziale verso la propria persona che ricevo costantemente dalle mani di Dio, poi segue il coniugi, i figli, i genitori, i fratelli, gli amici, i colleghi di lavoro, i vicini di casa, ogni persona che incontro.
Se imparo a intercedere per me stesso di fronte a Dio posso capire meglio in che modo Dio si fa costante Provvidenza per me e ne divento fedele collaboratore. Si sono chiamato a rappresentar a me stesso la cura che Dio ha per la mia persona in quanto immagine sua, vale a dire profondamente strutturato a imitare Dio in tutte le mie e in tutte le sue manifestazioni.
Questa affermazione può suonare strana. Svela però uno degli aspetti più belli della vita in Dio: Dio mi comunica il mio essere fisico-psichico-spirituale con intelligenza ed amore infiniti.
"Con intelligenza e amore infiniti" significa che Dio conosce e ama fino nei suoi minimi dettagli l'essere che mi comunica, che sono io stesso. Perciò è l'esperto per eccellenza della mia vita a partire dal modo con il quale i miei atomi e i miei geni struttura il mio organismo e con il quale la mia anima vivifica tutto il mio corpo e mi apre a tutto l'essere.
Tutto questo, cioè io nella mia concretezza quotidiana, per Cristo è infinitamente familiare ed amabile. Ciò implica il suo desiderio infinito per la realizzazione della mia persona su tutti i livelli secondo la natura del mio essere. Per questo motivo è di grande importanza per Gesù ciò che bevo, ciò che mangio, se mi vesto, come mi vesto, quali persone incontro, che lavoro faccio, come accolgo la giornata, se dormo di notte, quali sogni faccio.
La sensibilità dell'innamorato trova in questo modo di relazionarsi di Cristo a ogni persona la sua origine e ne è una manifestazione. In quanto immagine di Cristo sono invitato a relazionarmi in questo modo, a imitare questa intelligenza e questo amore infiniti con i quali Cristo mi comunica il mio essere.
Intercedere per tutti questi aspetti di fronte a Dio diventa così la realizzazione di questa imitazione della Provvidenza di Cristo per me. Chiedendo per Cristo il buon funzionamento dei miei geni, la gioia per l'acqua, la comprensione per il significato del cibo, il dono del vestito, della casa e del lavoro per ogni giorno.
Sentimenti d'amore per me stesso, per il mio coniuge e per i figli, la forza di benedire i miei nemici. Nella preghiera di intercessioni per me stesso posso collaborare con lo Spirito Santo a plasmare e a rappresentare gli atteggiamenti più belli possibili che contraddistinguono lo stesso Gesù.
I coniugi sono chiamati ad educarsi reciprocamente a questo modo di preghiera sia per se stessi sia l'uno per l'altro.
L'apprendimento di questo modo di pregare può partire da tutte e due le direzioni e si illuminano reciprocamente: nella misura in cui imparo a intercedere per tutti i livelli del mio essere secondo l'intelligenza e l'amore di Gesù presso lo stesso Gesù potrò intercedere in modo simile anche per la realizzazione del coniuge su tutti i livelli del suo essere.
Oppure come posso imparare a pregare per tutto quanto riguarda la vita della persona amata così posso applicare lo stesso modo di pregare alla mia vita in tutte le sue manifestazioni.
Per molti sarà più facile la seconda modalità. L'amabilità del coniuge è più lampante in tutte le sue manifestazione che l'amabilità della mia persona nel sua attuazione quotidiana, almeno all'inizio del matrimonio e se educato con ogni anno ancora di più (:).
Proprio da quest'ultimo accenno emerge di nuovo il grande compito del coniuge: manifestare al proprio coniuge il modo con il quale è conosciuto ed amato da Cristo glorioso. La preghiera d'intercessione è un elemento centrale per poter attuare questa missione-vocazione.
I coniugi sono chiamati in quanto immagine della Beata Trinità e dell'amore Di Cristo per la sua Chiesa di intercedere personalmente e in coppia per la realizzazione dei desideri della Trinità felice che si manifestano in Cristo.
Lottare con lo Spirito Santo affinché si manifesti sui panchi delle scuole e delle università, che trovi voci nei parlamenti dei singoli stati, che le famiglie privilegino la sapienza e l'amore tra le azioni quotidiane, che le tasse diventino più giuste, che le persone possano scoprire la vita ineffabile di Gesù glorioso nelle parole della Scrittura e nella celebrazione dei sacramenti sono contenuti specifici delle preghiere di chi rappresenta l'immagine originale di Dio in terra e che significa il grande mistero dell'amore di Cristo per la sua Chiesa, vale a dire per l'umanità.
I figli sono particolarmente sensibili per la preghiera d'intercessioni. Trovare momenti per farli sviluppare tutta la loro fantasia al riguardo può arricchire molto la vita della preghiera familiare.

Racconto

"Circondate Sion, giratele intorno, contate le sue torri. Osservate i suoi baluardi, passate in rassegna le sue fortezze, per narrare alla generazione futura: Questo è il Signore, nostro Dio
in eterno, sempre: egli è colui che ci guida." (Sal 47, 13-15)


Dire la propria vita a Dio è di particolare bellezza.
Solo lui ne conosce i significati profondi, coglie autenticamente tutti i miei stati d'animo, ne è l'esperto amante per eccellenza.
Nessuno mi ascolta come lui, nessuno ha maggiore familiarità con gli episodi della mia vita quotidiana. Raccontare insieme ad alta voce quanto è successo durante il giorno o la settimana può rinsaldare molto nei coniugi la fede nella presenza di Dio nella casa, nella coppia.
Nessuno gioisce più di Dio del racconto della nostra vita. Si potrebbe anche insegnare ai figli questo modo di aprirsi a Dio. Per bambini piccoli verrebbe molto facile, visto la loro grande sensibilità per il racconto. Nello stesso tempo si prende coscienza e si fa prendere coscienza sia al coniuge sia ai figli della preziosità delle proprie azioni ed eventi degni d'essere detti a Cristo.
Altrettanto si può raccontare gli eventi della stessa vita di Dio a lui. "Ti ricordi quando hai creato insieme a noi il nostro figli?" "E' stato di particolare bellezza come ci hai fatto innamorare." "Ammiro come hai guidato Pietro dalla sua infedeltà e incostanza fino ad essere roccia della tua Chiesa."

Progettazione

Si può anche imparare a progettare la propria vita insieme a Dio. Questa preghiera assomiglia molto alla modalità del racconto.
Cambia solo il contenuto. Invece di parlare a Dio del passato gli si parla del futuro del quale lui è infinitamente innamorato e informato. Perciò è il migliore interlocutore al riguardo.
Quando i coniugi si incontrano per festeggiare settimanalmente il dono reciproco della settimana nuova, se possibili di domenica oppure di sabato, possono trasforma tutto quanto si sono regalati reciprocamente sotto forma di progetto in preghiera.
"Ti affidiamo l'ora di catechismo del nostro Giuseppe martedì prossimo. Predispone il suo cuore al ascolto della tua vita affinché lo attragga e lo affascini."
"Ti ringraziamo per il dentista dal quale deve andare la moglie mercoledì.
Facci cogliere la bellezza delle tecnologia e lenisci il dolore che può provocare.
" Benedici la serata che ci siamo riservati Giovedì per cenare da soli e celebrare la nostra unione intima. Concedici di rappresentare sempre meglio l'amabilità della nostra e della tua vita in noi l'uno all'altro attraverso la tenerezza in gesti e parole."
Anche il futuro di Dio, della sua Chiesa è affidato in modo particolare ai coniugi.
Quali possono essere i desideri di Dio per la nostra coppia, la nostra famiglia, la nostra parrocchia, la nostra città, la nostra diocesi, per il nostro paese, per l'Europa, per il mondo e la Chiesa intera.
La preghiera ha bisogno di assumere connotazioni universali in sintonia con la globalizzazione vista con gli occhi di Cristo.
"Signore ti preghiamo per il Papa affinché in questa settimana tocchi i cuori dei vescovi e capi di stato che dovrà incontrare."
"Ti preghiamo per le elezioni che siano elette persone che amano la vita."
"Desideriamo che la tua vita trasformi tutti i coniugi del mondo."

Per la riflessione personale e in coppia:
Quale spazio hanno questi tre tipi di preghiera nella mia/nostra settimana?
Che cosa mi ha colpito in modo positivo/negativo nella presentazione di questi modi di pregare?
Posso fare degli esempi per preghiera di intercessione, di racconto e di progettazione?


Oggi é e sono le ore - Aggiornato il 22/04/2024

: cpf.consultorio@tiscali.it

Torna ai contenuti