Le antichissime novità della coppia cristiana - cpfconsultoriosassari.it

Vai ai contenuti

Le antichissime novità della coppia cristiana

Conversazioni 2006/2007

 

LE ANTICHISSIME NOVITÀ DELLA COPPIA CRISTIANA - L'IMMAGINE DELLA COPPIA-FAMIGLIA                                    


L'immagine della coppia e perciò della famiglia che ogni coniuge porta in sé è frutto della propria immagine di Dio, di se stesso, della vecchiaia e di tante realtà che non si possono menzionare tutti insieme. Essendo inoltre la famiglia l'istituzione più antica del mondo, le immagini che ne ha l'umanità, i diversi popoli, le diverse famiglie e il singolo sono molto diverse e varie.
E' impossibile passare in rassegna tutti i modelli familiari della storia o del nostro pianeta.
Perciò mi limiterò ad indicare alcune novità quotidiane, scientifiche e religiose in rapporto alla vita della coppia in modo da poter illustrare quali potenzialità di vita abbia acquisito negli ultimi decenni.
La loro attuazione naturalmente richiede un profondo aggiornamento dell'immagine della coppia-famiglia tradizionale (millenarie!).
Possono essere nuovi aspetti che vengono scoperti per la prima volta o realtà che vengono riscoperte dopo essere state dimenticate. A tutte e due le possibilità si vuole fare riferimento nel titolo di questa conversazione. Si cercherà di cogliere come queste novità possono influire sull'idea e sulla vita della famiglia odierna.
La coppia cristiana offre novità che mai prima sono state scoperte e fa riscoprire realtà che sono dimenticate da tanti.

Il nuovo contesto sociale della coppia

La legge italiana sancisce nel 1975 la parità dei diritti e dei doveri dei coniugi: "Con il matrimonio il marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri." Codice civile 143 - L'uomo non è più da solo capo della famiglia.
Dall'inizio del novecento si sta attuando l'emancipazione della donna che implica il diritto al voto, la scelta del proprio lavoro, la conseguente indipendenza economica dei due coniugi, la libertà di potersi scegliere il coniuge e una nuova concezione della vita sessuale. Tutti questi aspetti hanno profondamente cambiato una struttura familiare millenaria e i ruoli in seno ad essa.

Per la prima volta nella storia la maggior parte dei coniugi si può scegliere liberamente. Uomo e donna si avvicinano sempre di più ad essere due persone di pari diritti, dignità e libertà, anche se non si può cambiare una situazione sociale vecchia di migliaia di anni in alcuni decenni. Tenendo conto della storia umana della coppia si può dire che sono stati fatti passi da giganti in pochissimo tempo.
Si tratta di apprezzare i valori conquistati e allo stesso tempo concentrarsi sempre meglio sulle vere potenzialità naturali e sopranaturali del matrimonio cristiano che è costantemente invitato ad integrare i progressi in questo campo.

Date queste nuove conquiste sul livello umano e di civiltà soprattutto in termine di liberazione da condizionamenti familiari, sociali e politici la coppia ha fortemente bisogno di scoprire quali sono le verità di fondo che attuano i suoi dinamismi di convivenza, li favoriscono e li mantengono, altrimenti rischia un disorientamento radicale visto che sono venuti a mancare punti di riferimenti millenari per la convivenza della coppia e la conduzione della famiglia.
Come si attuano "gli stessi diritti e i medesimi doveri" in tutta la vita della coppia, vale a dire in rapporto al progetto di coppia e di famiglia, al dialogo costante, alla vita intima, alla cura della casa, all'educazione dei figli, alla professione, al tempo libero, ai rapporti con parenti e amici, in rapporto alla vita sociale, culturale, politica e religiosa? In che cosa consiste in questi ambiti la diversità complementare dei coniugi?

In seguito cerco di illustrare alcuni aspetti intrinseci alla vita della coppia secondo i quali può scoprire la grandezza della sua missione, modalità di concepirsi e di comportamenti.

Coppia e persona umana:

L'attualità insuperabile della coppia consiste nel fatto che ogni essere umano consiste di cellule nuziali (23 cromosomi materni e 23 cromosomi paterni), così la persona umana è nuziale sul livello genetico, fisico, psichico e spirituale (anche conoscere e volere sono sempre processi d'unione!)

Il dato genetico di ogni essere umano suggerisce alla coppia di volersi unita nella diversità.
Una persona umana può essere veramente una solo se 23 cromosomi sono della madre e 23 cromosomi sono del padre. L'unica persona è costruita dall'unione dei diversi cromosomi materni e paterni.
Così anche la coppia è solo coppia se tutte e due vogliono che l'altro ci sia dentro con tutta la sua vita e tutta la sua diversità. E' infatti condizione di comunione della coppia la diversità fisica, psichica e spirituale!
Fin ora l'arricchimento complementare è stato spesso impedito dalla sottomissione o dal dominio della donna o dell'uomo. Finalmente si può sperimentare la vera ricchezza che si attua nella diversità di pensare, di sentire, di parlare, di comportarsi, di progettare.
Volere questa diversità, conoscere questa diversità, imparare a comunicarsi la propria particolarità e volerla ricevere in dono, imparare il linguaggio dell'altro su livello intimo, di sentimento, di pensiero, della propria storia portano la coppia a quella qualità di vita alla quale sarebbe predisposta su tutti i livelli del suo essere.
Tutto questo implica il primato della coppia in termini di tempo, di spazio e di energia e di fantasia. Ecco una novità grandiosa della coppia (che solo ora grazie al microscopio e la psicologia si può cogliere): Si tratta di rappresentare, di rendere visibile e sperimentabile la vera natura dell'uomo: l'essere nuziale.
Dalla vita della coppia dipende se l'uomo si riconosce come uomo, e se si sente a casa in se stesso. La crisi della nostra società, la crisi d'identità di molti, dipende dal fatto che i coniugi non si scelgono più, non vogliono più realizzare il mistero più intimo della persona umana: il suo essere nuziale.  

Il primato amore - gioia


Per poter dare questa priorità alla coppia si tratta di voler privilegiare l'atteggiamento che ha fondato la coppia e che è la sua linfa vitale: l'amore. L'amore dell'innamorato è puro dono, l'amore del matrimonio è dono che essenzialmente ha bisogno di essere coltivato intelligentemente, volutamente e quotidianamente da tutte  e due coniugi.
Conviene consapevolmente rinunciare a una concezione kitsch dell'amore e riconoscere in esso la realtà fondante della propria esistenza e della vita della coppia e della famiglia. Solo se riconosco questo valore assolutamente primario all'amore sarò disposto di sudare per la sua realizzazione.
L'amore umano per sua natura ha bisogno di essere conosciuto, di essere scelto e rinnovato costantemente, altrimenti non è più un atto libero, cioè umano.
Cogliere l'amore dell'altro, scoprirsi amato e perciò volersi amare sono passi essenziali per poter farsi liberare nell'amore coniugale senza diventarne dipendente o succube. Punto centrale della novità della coppia: iniziazione all'amore di sé!!!
Altra novità tanto trascurata: L'amore come clima della coppia rappresenta a loro e all'umanità l'origine dell'uomo e della donna e il motivo profondo del loro esistere: l'essere umano esiste perché è amato.
Collegato a questo scopriamo un'altra realtà molto rara nella nostra società pur essendone fortemente bisognosa: la gioia. Chi ama desidera ciò che ama. Se ricevo in dono ciò che desidero e amo gioisco.
Nel matrimonio ricevo in dono le due persone che amo di più: me stesso e il coniuge perciò l'amore è estatico. In nessun contesto umano si può sprigionare così tanta gioia quanto nell'intimità coniugale perché ne sono la causa immediata due vite umane unite.
Altra novità della coppia: custodisce la verità profonda che la vita umana donata e ricevuta in dono è motivo di intima e profondissima gioia.

Unità di anima e corpo e vita: verso una sapienza erotica cristiana

Come avviene questo amore-gioia in modo specifico sponsale? Nell'unione coniugale.
La novità positiva della concezione attuale della vita sessuale consiste nella maggiore libertà con la quale la si può conoscere e poterne parlare. Nella Chiesa Giovanni Paolo II ha dato un impulso molto fecondo purtroppo ancora molto poco recepito al riguardo.
Ciononostante a causa di una forte separazione tra il mio io e il mio corpo, tra spirito e fisicità molte persone vivono la sessualità in modo conflittuale. Perciò si usa e si sfrutta la sessualità a scapito della dignità e profondità delle persone coinvolte e del loro rapporto.
Il matrimonio cristiano propone l'atto sessuale come azione che va da una persona all'altra. E' un atto che coinvolge tutte le persone nella loro interezza potendo cosi comunicare e ricevere veramente la vita propria e quella dell'altro. Siamo di fronte alla novità della sessualità integrale.
Questa concezione integrale dell'unione sessuale implica l'idea della corporeità relazionale e della presenza integrale della persona in tutte le parti del corpo. Che cosa vuole dire?
Se bacio l'orecchio della persona amata bacio tutta la sua persona e tutto quanto compie attraverso il suo orecchio: così si attua la vera accoglienza e celebrazione della vita amata attraverso il gesto o la parola di tenerezza.
Da qui nasce la centralità dell'educazione a un'idea e un comportamento erotico di tenerezza trasparente verso la vita nei suoi gesti e nelle sue parole all'interno della coppia. Implica che i coniugi imparano ad applicare la loro intelligenza amorosa al dinamismo della vita sessuale e comincino a parlare del suo significato.
Ecco un'altra novità millenaria della coppia: che la vita sessuale diventi oggetto di approfondimento a servizio della conoscenza e della comunione della coppia per favorire una graduale educazione a una vita sessuale armoniosa, condivisa e profonda in sintonia con la vita quotidiana della coppia.

Centralità del dialogo

Per sapere che cosa bacio ho bisogno che il coniuge mi racconta che cosa ha fatto con ciò che bacio.
Da questa semplice considerazione potrebbe avvenire un'altra sconcertante novità la detronizzazione del potere serale del televisore in favore di una cena in comune o di una serata sul divano per comunicarsi la propria vita quotidiana, per rivelarsi ciò che si bacia e mangia nell'intimità coniugale! Non ogni giorno, certo, ma almeno una volta la settimana:

L'unità persona e azioni

La vita intima vissuta in questa luce svela la preziosità delle azioni quotidiane attraverso le quali le persone si realizzano. Così si ricupera la dimensione di pienezza e di amabilità della vita quotidiana della quale al vita televisiva tende a derubarci.
Se il coniuge celebra con il bacio la sua adesione gioiosa alla persona amata presente nella mano baciata esalta e qualifica tutto quanto il coniuge ha compiuto con le sue mani: lavarsi, vestirsi, cucinare, apparecchiare, aprire porte, fare pulizia ecc..
Celebra nel gesto intimo l'amabilità oggettiva delle azioni della persona amata e attraverso le quali si realizza la sua vita. Così si contrasta fortemente la svalutazione dell'agire umano attuato sotto l'influsso dello stress, la superficialità quotidiana e la vita intesa e virtuale offerta da televisione, computer e playstation che tende a far apparire la vita quotidiana banale e gioiosa.
In questo la vita della coppia come celebrazione delle azioni quotidiana è una novità molto alternativa contro una tendenza molto diffusa che tende a derubarci della consapevolezza della preziosità del nostro agire quotidiano. La carezza dei piedi dice: mi fa felice il tuo camminare, gioisco dei tuoi passi nella tromba delle scale.

Coppia e figli

Solo se due amano così tanto le loro anime, corpi, azioni, vite da desiderare una terza vita come la loro sono pronti alla vita sessuale. Amano nella loro intimità ciò che generano e concepiscono. Questo viso, questi sensi, queste membra, questi organi, questi sentimenti, questa memoria, questa capacità di conoscere e di amare che amo nel coniuge e che faccio amare in me voglio in una nuova vita: il nostro figlio.  
Ogni autentico atto d'amore intimo implica un tale entusiasmo di vita da volere una terza, altrimenti non ho colto l'amabilità del mio coniuge e la mia. La ricchezza di vita scoperta nell'amore spinge di per sé alla moltiplicazione.
Cosi nel figlio la coppia prima di tutto contempla il proprio mistero: la sua unione in migliaia di cellule. Le cellule, la psiche, il fisico del figlio dice costantemente una cosa ai propri genitori: Ricordatevi di voi che siete la mia origine. Perciò la miglior educazione dei figli è l'amore reciproco dei genitori.
La rivoluzione della novità del "nostro figlio" contro il "mio figlio", assurdità genetica ed esistenziale con implicazioni relazioni ingiustissime, fa capire che il figlio dice sempre la comunione dei propri genitori e solo in quanto loro l'attuano lui cresce bene.
Il figlio prima di tutto è arricchimento della coppia con tutta la sua vita giorno dopo giorno.
Lui permette di riscoprire la vita umana nelle sue manifestazioni più elementari: mangiare, lavare, camminare, guardare, ascoltare, parlare, scrivere, leggere, ridere, piangere.
Il bambino donerebbe alla coppia un'altra novità molto controcorrente ma immensamente arricchente: la priorità e la bellezza della la vita umana colta nel suo nascere e crescere. La società e il lavoro emarginano questa vita umana come tanti genitori i loro figli.

Coppia e società

Nell'intimità si ama tutta la vita del coniuge, le vie della città, gli uffici postali, gli sportelli delle banche, le sale d'attesa dei medici, le scuole, i musei, ecc. Nel talamo tutto questo viene celebrato in quanto incarnato e assunto dalla persona umana attraverso il suo corpo nel suo corpo.
Siamo di fronte a una novità molto particolare in forte contrasto con la concezione intimista della vita intima:
Così si può riscoprire la vera amabilità della civiltà, della città e delle istituzioni attraverso una vita sessuale intelligente, trasparente e creativa come celebrazione della civiltà umana resa presente nella coppia e promossa dalla coppia.
La coppia, difatti, è la madre di ogni civiltà umana in quanto sua origine genetica nell'amore. Amare perciò la stessa civiltà nell'atto coniugale è celebrala nella sua vera origine e godere della sua crescita alla luce del suo principio. Ecco, vera sapienza erotica umana!

La coppia - immagine di Dio


Nella luce di Dio rifulge la vera preziosità della vita della coppia e delle sue manifestazioni illustrate fin qui.
Prima di tutto l'uomo e la donna sono invenzione e creazione genuinamente divina. Perciò l'essere umano nella sua unità di anima e corpo è voluto profondamente da Dio, sia il suo corpo sia la sua anima e le sue manifestazioni quotidiane di vita.
Da questa verità deriva una grandissima amabilità e intelligibilità per tutto ciò che lo costituisce, anche per la sua sessualità.
Novità: Dio è il primo garante della preziosità della corporeità umana e della sua sessualità. La sessualità è stata creata in modo esclusivo da Dio personalmente!

Inoltre la coppia è l'immagine originale di Dio sulla terra. E' nella sua unione sessuale e di vita che lui vede l'immagine del suo essere nell'altro per amore (Il Padre nel Figlio per mezzo dello Spirito Santo Amore). Perciò dipende dalla coppia  l'immagine che l'uomo, i figli, la società si fanno di Dio (novità!!).
Genesi capitolo 1 fa capire bene in che modo si attua questo loro essere immagine di Dio: attraverso la benedizione e la creatività: Dire bene delle cose: L'atto coniugale, vissuto come descritto sopra, dice bene la vita dei coniugi, dei figli, della società e dice bene e in modo gioiosissimo tutta la creazione di Dio.
Si celebra principalmente la persona creata da Dio come unità di anima e corpo. Avviene la ri-attuazione della benedizione dei primi 6 giorni nell'atto coniugale dove vengono celebrati nel microcosmo della persona umana tutti i livelli della creazione dall'atomo fino allo spirito.
Ciò implica la benedizione di Colui che ha creato tutto questo.
Novità: L'atto coniugale si manifesta così glorificazione di Dio e della sua creazione, che si attua in modo sinfonico (dai cromosomi nuziali fino alla grazia del sacramento!).

I coniugi come ministri e immagini di Cristo

La totalità dell'atto sessuale con il quale si dona una persona interamente a una altra necessita l'intervento divino. Solo lui possiede l'essere umano interamente e perciò in modo tale da poterlo donare interamente a qualcuno. Oggi Dio è Cristo operante nella sua Chiesa.
Novità: Perciò ogni atto sessuale è intrinsecamente autentico, vale a dire donazione totale reciproca, se attuato da Cristo grazie al sacramento. La sessualità in se stessa chiede per la sua autentica realizzazione l'intervento divino, che oggi è l'agire di Cristo nel suo Corpo, la Chiesa.
L'unione è celebrata da Cristo insieme a suoi ministri, i coniugi.
Lui li rende capaci nel sacramento di rendere presenti a loro l'amore che ha Cristo per le loro persone, per i loro corpi, le loro azioni, la loro vita quotidiana, i loro figli e la società nella quale vivono nella comunione intima e quotidiana. Ognuno è ministro di Cristo per l'altro e rende presente gli atteggiamenti di amore, di tenerezza, di misericordia, di perdono, di stupore e di riconoscenza di Gesù stesso, in quanto costituto immagine sua, vale a dire la usa imitazione e rappresentazione.
In questa luce possiamo considerare l'amplesso nuziale attuazione sinfonica di tanti valori in un unico atto di tenerezza al quale concorrono ormoni sessuali, zone erogene, sensazioni, sentimenti, voleri, pensieri, immagini, parole e Cristo in persona attraverso la grazia di tutti i sacramenti!

In conclusione si può celebrare l'ultima novità: tutto "ruota" intorno alla coppia: dalla cellula nuziale fino a Dio, la beata Trinità nuziale!

La scelta prioritaria della relazione della coppia

Poter occuparsi della tridimensionalità e della struttura sinfonica dell'atto-evento coniugale presuppone una scelta. Si tratta di cogliere la vita intima della coppia e il dialogo nella coppia come parti integranti, vivificanti, illuminanti e liberanti della vita della coppia, della famiglia, della Chiesa e della società in quanto a immagine di Dio.
La natura della vita sessuale che coinvolge la persona umana su tutti suoi livelli è profondamente intelligibile e dicibile, pur rispettando l'indicible e il silenzio! Ma la sua fama è piuttosto caratterizzata da un essere rilegato nella sfera istintiva dell'uomo e della donna.
Qui si tratta di un tipico pregiudizio sessuale che impedisce un'apertura vera verso la sessualità vista nel suo contesto integrale.
E' esattamente questa la scelta da compiere personalmente e insieme nella coppia: Sì, la sessualità è conoscibile. Noi vogliamo dare tempo e spazio per conoscerla e viverla sempre meglio.

Diverse coppie sono caratterizzate dal non aver scelto il rapporto di coppia come priorità della propria vita perciò investono poca energia intellettuale, volitiva e sentimentale nel volersi conoscere, nel voler capire che cosa l'altro pensa, vuole e sente.
Ci vuole una scelta propria attraverso la quale si decide di voler costruire il rapporto nuziale.


Per la riflessione:

Quale è la mia immagine ideale della coppia sia nel passato sia nel presente?

Quali sono le caratteristiche principali della vita della nostra coppia che mi vengono in mente più facilmente (positive e negative)?

Come mi sembrano le caratteristiche della coppia elencate nel testo?


Oggi é e sono le ore - Aggiornato il 21/07/2022

: cpf.consultorio@tiscali.it

Torna ai contenuti