Una tenda che accoglie - cpfconsultoriosassari.it

Vai ai contenuti

Una tenda che accoglie

Storia
Una tenda che accoglie:
Il Centro di Preparazione alla Famiglia – Consultorio Familiare Sassari

 
“Se il Centro è opera mia finirà, se è opera di Dio, come io credo, continuerà”. Queste le parole che padre Giovanni Serafino Taddei, domenicano o. p. soleva dire, pensando al futuro del nostro Centro di Preparazione alla Famiglia - Consultorio Familiare da lui fondato nel 1967. La morte del fondatore è avvenuta nel 1991 e la realtà dei fatti ci fa ben sperare che il CPF sia un’opera ispirata e non soltanto umana.
 
Padre G. S. Tadde fu inviato nel 1951 in Sardegna a Sassari da San Marco in Firenze. Uomo dalla grande personalità culturale e umana organizzò, insieme a Giorgio La Pira e ad alcuni confratelli, l’espatrio di numerosi ebrei perseguitati durante la guerra ma, nella sua profonda umiltà e riservatezza, di questo non parlò mai. Inviato come parroco nella Parrocchia di Sant’Agostino, sita in un quartiere molto degradato, si dedicò dapprima alla ristrutturazione della Chiesa e del Convento, ma dopo qualche anno, animato da una profonda cultura laica e cristiana e dall’amore per la famiglia (soleva dire “La famiglia da sola non può farcela”) ha pensato e fortemente voluto creare il Centro di Preparazione alla Famiglia (CPF) nel 1967 e nel 1968 il Consultorio Familiare.
 
La connotazione alla nostra realtà è stata così da lui espressa: ”E’ la persona umana oggetto primario del nostro interesse, amata, servita e rispettata, nella sua dignità e libertà, indipendentemente dalle sue scelte ideologiche, dalla religione e dalla razza, in ogni situazione della sua esistenza”.
 
Così come recita il nostro Statuto, ci si propone di:
 
  • Studiare e divulgare i problemi riguardanti la famiglia e l’educazione

  • Contribuire alla preparazione dei genitori e alla loro formazione umana e sociale, culturale e religiosa per una valida e vitale educazione dei figli.

  • Stabilire i contatti con le famiglie per favorire la collaborazione nella ricerca comune di ciò che è più valido alla realizzazione della loro vocazione.
 
Inoltre ci si rende disponibili all’ascolto di chi è in difficoltà, si aiuta la famiglia a prendere coscienza degli altri e a farsi aperta, si promuovono corsi, incontri, giornate di studio, dibattiti e pubblicazioni. Si promuove il valore e la difesa della vita umana, aderendo alla visione cristiana della vita e della persona. Consultorio dunque di Ispirazione Cristiana. “L’I.C. è dialogica e può parlare anche con chi ha una ispirazione diversa dalla mia”. “Nella IC rispondo io in quanto battezzato responsabile della mia fede e della mia competenza etica”. “L’IC dà sostanza ad un’autentica laicità cristiana” (Servire la famiglia edificare la Chiesa, Edoardo Algeri, p.276/277, Ancora editrice,2020).
 
Uno dei convegni organizzati l’anno dopo la sua morte affrontava proprio il tema dell’etica:” Etica e responsabilità in una società senza certezza”, e rientrava in un ciclo di incontri dedicati al tema “L’Etica e l’uomo di oggi”. E poi a seguire “Famiglia e sacerdozio, due doni uno per l’altro”. Era un chiaro segnale che l’attività continuava anche dopo la morte del fondatore , offrendo servizi al territorio secondo lo spirito della nostra missione.
 
Essenziale è stato sempre stabilire i contatti con le famiglie e i vari operatori, e coloro che hanno collaborato nel corso degli anni col CPF – Consultorio, hanno testimoniato, con le loro esperienze, la  crescita maturata in un contesto che per molti anni ha visto le famiglie vivere una forte dimensione comunitaria. “Noi ragazzi ci sentivamo figli di tutti e i genitori degli altri erano figure di riferimento preziose” (dalla testimonianza di chi ha fatto tesoro di questa esperienza, trasformandola in dono in forma di collaborazione attiva col Consultorio).
 
Dalla sperimentazione al proprio interno della realtà familiare e di una scuola che voleva essere maestra di vita, quasi in parallelo da subito, si è passati alle attività rivolte all’esterno che potessero essere “sale e luce” nel contesto sociale, affrontando con grande apertura temi che negli anni settanta e ottanta erano scottanti (educazione sessuale, aborto, fedeltà, metodi di controllo delle nascite, educazione all’immagine).
 
Da quanto detto, si comprende come la nostra missione è sempre stata orientata alla informazione, ma soprattutto alla formazione, con lo sguardo attento alla prevenzione. “L’uomo deve aiutare l’uomo a diventare tale: a vivere da uomo, il resto è Grazia… L’uomo può aiutare il suo simile a realizzare la sua dignità di uomo, la Grazia si unisce alla natura per rendere l’uomo figlio di Dio, quale egli è..” (G.S.Taddei)
 
Il nostro percorso, che ha avuto inizio con i corsi per i fidanzati, nel corso degli anni si è arricchito di varie iniziative (oltre i convegni, le tavole rotonde, seminari etc.) Nuove proposte sono emerse attraverso i contatti con altre realtà. Interessanti gli incontri per adolescenti su temi (valore della persona, sessualità, affettività, legalità) strutturati in momenti distinti per i ragazzi e i loro genitori, una formula orientata a suscitare stimoli in parallelo. Per alcuni anni sono stati offerti ai genitori anche i Corsi di orientamento familiare, in collaborazione con il FAES  (Centro di orientamento familiare). Il CPF – Consultorio Familiare ha svolto per alcuni anni anche i corsi per Operatori di Pastorale Familiare, per la Diocesi di Sassari, e per  operatori del nord Sardegna.
 
Partendo dall’analisi della situazione sociale, emersa da numerose indagini condotte sulla famiglia e dalle esperienze riportate dai consultori, è emersa come emergenza la creazione di un “Luogo-Scuola”, “La Scuola per la Famiglia” appunto, in cui tutti gli aspetti e le problematiche della famiglia odierna potessero essere affrontate e studiate al fine di apprender le modalità concrete per vivere una buona e bella vita famigliare quotidiana. Sono stati presi in esame i diversi aspetti caratterizzanti la famiglia e le figure componenti essa stessa, da un punto di vista storico, antropologico, pedagogico, psicologico, teologico, politico-economico, giuridico, naturalmente l’organizzazione della Scuola ha favorito i contatti con relatori provenienti dalla penisola e quindi da realtà, esperienze e competenze diverse, abbiamo invitato anche docenti dalla Spagna, quanta ricchezza di confronti si è realizzata.
 
Un’altra iniziativa che abbiamo accolto: “Il corpo racconta”. Si tratta di un percorso formativo per mamme e figlie alle soglie della pubertà, per trasmettere conoscenze semplici che caratterizzano lo sviluppo puberale, sulla fertilità, l’amore nascente, le emozioni e l’amicizia. Gli incontri sono condotti  dalla nostra esperta di “metodi naturali”. La competenza, accompagnata dalla delicatezza degli incontri, ha fatto sì che l’iniziativa ha raccolto l’entusiasmo delle mamme e delle ragazzine che hanno già partecipato e che attraverso un “tam tam” contagiano  altre mamme per invitarle a vivere questa esperienza.
 
Non possiamo dimenticare gli incontri col nostro pediatra che si sono rivelati preziosi nell’immediato post-pandemia, perché hanno dato, con le opportune precauzioni, la possibilità a molte mamme in attesa di essere rassicurate nel momento di fragilità vissuto durante la gravidanza, dal momento che non era disponibile per loro il  servizio pubblico (Lo spazio mamma). Gli incontri col nostro pediatra continuano ancora, affrontando nuovi temi: “Una manovra per la vita” e “L’alimentazione integrata”.
 
Un altro progetto lo abbiamo dedicato alle coppie orientate all’affido e all’adozione, offrendo un supporto psicologico e giuridico e un confronto esperienziale. L’idea è nata per creare un punto di riferimento per le coppie all’inizio del percorso, ma anche per coloro che lo avevano già completato.
 
Il nostro consultorio, pur non essendo diocesano, è sempre stato, fin dal suo sorgere, a servizio della Diocesi. I corsi di preparazione al matrimonio, un progetto avanguardia che ha preso il via già da subito, sono stati infatti un punto di riferimento per tutta la Diocesi preparando le coppie delle varie parrocchie cittadine e dei paesi vicini. Grati per il supporto avuto nel nascere, supporto donato dal Punto di Famiglia di Torino (col contributo di padre Giordano Muraro, suor Germana Consolaro, padre Valerio Ferrua), abbiamo cercato di offrire all’esterno, a nostra volta, l’esperienza e le nostre competenze, arricchendoci noi stessi in questa osmosi continua.
 
Lo sguardo al territorio è sempre stato attento a raccogliere sia le necessità, sia i contributi. Un esempio: la collaborazione con don Romolo Taddei, del Consultorio diocesano di Ragusa, col quale siamo entrati in contatto nel 1999 e che ha continuato ad arricchire la nostra formazione, attraverso i numerosi training, l’ultimo dei quali “ sul checkup di coppia”, condotto insieme alla counselor Agata Pisana che abbiamo avuto come relatrice in un convegno organizzato lo scorso ottobre 2022 “I giovani dopo il lockdown: un’emergenza per le nostre famiglie”. Inoltre, ci siamo serviti di alcuni testi di don Romolo Taddei  come sussidio durante i percorsi di preparazione al matrimonio. Pur non definendoci consultorio diocesano siamo sempre stati al servizio della Diocesi e la collaborazione con la Diocesi è continuata anche dopo la morte di padre Taddei, infatti nel nostro Consiglio Direttivo fra i membri è sempre stato presente il Responsabile della Pastorale Familiare e tutt’ oggi questo ci ha consentito di perfezionare la collaborazione con la Diocesi. Solo per citare alcuni momenti significativi: il contributo come CPF – Consultorio alla Via Crucis della Quaresima 2022, per vivere insieme il percorso di essa nelle comunità, attraverso varie testimonianze e fra esse la testimonianza di una coppia che, dopo aver attraversato una crisi, con l’aiuto del mediatore (membro della nostra equipe) ha ritrovato l’empatia reciproca e imparato a guardare la situazione dalla prospettiva dell’altro, attraverso un dialogo costruttivo che ha fatto ritrovare la coppia. Siamo stati parte attiva nella giornata mondiale delle famiglie del giugno 2022, portando la testimonianza di alcuni operatori del nostro consultorio dando visibilità al nostro operato a servizio delle famiglie. Una collaborazione, siamo ancora agli inizi, è stata avviata con Punto Luce, centro socio-educativo in un’area urbana svantaggiata. Siamo in contatto con operatori del Tribunale dei minori di Sassari e con i Servizi sociali, da questa collaborazione è scaturita in alcuni casi la richiesta di sostegno per coppie genitoriali in particolari situazioni di disagio. Inoltre il nostro CPF – Consultorio sta percorrendo il cammino sinodale con la Diocesi, partecipando già dal primo anno al progetto “Cantieri sinodali tra la soglia e il focolare”. Cerchiamo di far conoscere attraverso il giornale diocesano “Libertà” le nostre iniziative, creandoci uno spazio che dia visibilità al nostro operato, perché la nostra offerta possa raggiungere il territorio, non solo cittadino.
 
Dal novembre 2022 è partito il “Corso per consulenti della persona della coppia e della famiglia”nato dalla collaborazione fra la scuola di formazione CISPeF (del Lazio) e la Fondazione Accademia “Casa di Popoli, Culture e Religioni” fondata dal nostro Arcivescovo, mons. Gianfranco Saba. Noi come Consultorio stiamo dando il nostro contributo,  alcuni membri del nostro consultorio hanno deciso di intraprendere un percorso di approfondimento in vista di un arricchimento delle proprie competenze, ma anche dal punto di vista relazionale.
 
Ravvisandone la necessità, data l’emergenza dovuta alle separazioni e divorzi che, dopo un calo nel 2020, nel 2021 sono ritornati ai valori del 2019, ci siamo preoccupati di offrire come servizio gli incontri dei Gruppi di Parola, che avevamo già sperimentato prima del lockdown. Il consultorio ha ritenuto opportuno rispondere al disagio che si crea nei figli di genitori separati con  questo progetto che possa aiutarli ad elaborare la situazione che stanno vivendo con un gruppo di pari, acquisire consapevolezza e  dare un nome a ciò che per loro può essere di difficile comprensione.
 
La nostra missione è ispirata dal principio guida, espresso da Gesù: Questo è il mio comandamento, che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati. Nessuno ha un amore più grande di questo, dare la vita per i propri amici” Ogni rapporto interpersonale, nell’ambito della famiglia o nel contesto della carità, diventa occasione di offerta di se stessi. Prendersi cura dei fidanzati, mettersi al servizio della famiglia, camminare al suo fianco nei momenti di prova e nelle diverse stagioni della vita.  Promuovere la cultura della famiglia e dare visibilità al suo potenziale educativo e al suo ruolo primario nella società.
 
La nostra Ispirazione Cristiana: Il fatto che Gesù sia risorto dà forza alla speranza nel possibile buon fine delle piccole e grandi morti che ogni uomo sperimenta nella sua vita, ci permette di vedere la luce oltre ogni momento di buio, giustifica un atteggiamento costruttivo a risoluzione di avvenimenti dolorosi ed ingarbugliati della nostra vita.
 
Come possiamo constatare da questo breve excursus, ci siamo trovati in difficoltà a dover scegliere, per presentarla, un’attività in particolare fra le nostre. Possiamo invece dire che fondamentalmente possiamo ricondurre tutto il nostro operato ad un ideale: il CPF – Consultorio si è sempre proposto di sostenere con intelligenza e con spirito solidale la famiglia nella sua maturazione, per il superamento delle inevitabili difficoltà e per la soluzione dei problemi che si sarebbero presentati nelle tappe della sua evoluzione, per cui niente di tutto ciò che poteva e può servire alla formazione dei suoi membri è stato trascurato, in un’ottica di formazione globale e permanente. Dal primo corso per consulenti familiari partito con la supervisione di Charles Vella, ne sono stati organizzati altri, favorendo costantemente la partecipazione degli operatori a convegni, training, master. Questa modalità ha avuto nel corso degli anni una ricaduta sul territorio, attraverso una continua opera di sostegno alle famiglie in difficoltà, ma anche al singolo in situazione di disagio.
 
Abbiamo voluto raccogliere parte della nostra storia in alcune pubblicazioni: “Padre Giovanni Serafino Taddei. Scritti” (Stampacolor-Muros 2002), “Trent’anni di storia e vita. 1967-1997”( Stampacolor – Muros 1997), “Cattolici per la famiglia a Sassari nel secondo novecento. Il CPF  di Padre Giovanni Serafino Taddei. 1967 -1991” Angela Baio – Alcide De Gasperi – Sassari -2006
 
Storicamente non abbiamo ancora creato un archivio dei documenti relativi all’ultimo decennio del secolo scorso fino ad oggi. Il progetto della CFC, invitandoci a dare spazio alla nostra storia, può averci suggerito senz’altro lo stimolo per raccogliere e conservare la preziosità di quanto abbiamo potuto e possiamo ancora offrire al servizio della famiglia, perché non vada perduto un patrimonio di idee e progetti  rivolti al bene di essa. Desidero chiudere con le parole di padre Taddei che mi sembra esplicitano il senso del nostro operato:
 
“Ti posso assicurare che non ho mai cercato me stesso, così almeno  mi sembra, ma il bene: quello che dura e che non tramonta”…. (Lettera del febbraio 1987)

Oggi é e sono le ore - Aggiornato il 23/04/2024

: cpf.consultorio@tiscali.it

Torna ai contenuti